Cerca nel sito:

RUBRICHE - DAL MONDO DELLA SCUOLA


Laboratorio di robotica


Castellanza - Con la presentazione del video “TecnoGameLab” ospitato al “Facchinetti Day”, sabato 28 maggio, si è conclusa l’esperienza del “Laboratorio di Robotica” della classe II A della nostra Secondaria.

La classe, a tempo prolungato, ha sviluppato negli ultimi mesi di scuola, durante le mie ore di Tecnologia, un progetto di robotica in collaborazione con l’Istituto Facchinetti e il contributo dell’Amministrazione comunale. Una assoluta novità nel campo delle collaborazioni con gli Istituti superiori, un ponte tra Istituti e ordini di scuola diversi e una opportunità per gli studenti delle due scuole.

Il progetto, che ho proposto all’attenzione della professoressa Bressan dell’Istituto Facchinetti e ha coinvolto gli insegnanti Pagani e Colombo, ha previsto inizialmente la costruzione meccanica di un robot giocattolo che è stato poi “smontato” in modo creativo. Obiettivo della “decostruzione” quello di acquisire la conoscenza della componentistica “dal di dentro”. A questo punto ai robottini è stato aggiunto il microcontrollore Arduino, un piccolo computer programmabile al quale sono stati collegati dei motori e un sensore di misura. La classe è stata organizzata in quattro gruppi, caratterizzati da un nome e da un logo, scelto e progettato dagli stessi ragazzi. L’esperienza è risultata essere un valido aiuto per quegli alunni che faticano a trarre soddisfazione dal puro sapere astratto e hanno bisogno di vivere e di sperimentare l’apprendimento in modo creativo e concreto. Per tutti poi, oltre alle capacità cognitive, l’occasione per potenziare un comportamento relazionale e collaborativo. Più tempo, una maggiore esperienza e la fattiva collaborazione con alunni e colleghi delle “Superiori” e della “Primaria”  spero possano aiutarci a sviluppare questa esperienza. Un valido strumento per avvicinare la conoscenza sensoriale a quella astratta, a prescindere dall’età. Robottini animati utili all’apprendimento curricolare e alla relazione, ma anche figure immaginarie per narrazioni fantastiche.

E. Da Ronch 

© riproduzione riservata
 
Pubblicato il 15/06/16 - 541 visualizzazioni