Cerca nel sito:

NOTIZIE - DAL TERRITORIO


Ciclopasseggiando in Valle Olona


MARNATE -  Per il territorio è una risorsa. Lo è stata nel passato e può esserlo nel futuro.  Ma l’Olona esige le dovute attenzioni. E questo significa vigilare a dovere sulla situazione delle sue acque dichiarando guerra a ogni inquinamento. E ponendolo nelle condizioni di tornare a brillare e di essere un prezioso volano per lo sviluppo del turismo ambientale sul territorio. Il concetto non avrebbe potuto emergere più chiaramente da un incontro svoltosi a Marnate e intitolato “Ciclopasseggiando in Valle Olona”. Che è poi il titolo di una guida redatta dall’associazione “Verso l’Ecomuseo” volta a illustrare i gioielli  culturali e ambientali incontrabili lungo la pista ciclabile da Castellanza a Castiglione Olona. Ma quali sono, appunto, i mali da combattere per fare tornare a vivere l’Olona? L’avvocato Franco Brumana, che è al timone dell’associazione “Amici dell’Olona” con ormai 14 mila soci su Facebook, ne indica tre: depuratori che non funzionano a dovere, mancanza di controlli e cattivo funzionamento degli sfioritori che favorisce la diffusione di macchie inquinanti. E non ha mancato di ricordare che “per i depuratori siamo sotto controllo dell’Unione Europea che potrebbe fare scattare infrazioni se non saniamo la situazione”.  E, “risanare l’Olona è facile, basta volerlo”. Già, basta volerlo. Cioè che ognuno faccia la sua parte: cittadini, comuni, istituzioni e chi è deputato a controllare, vedi Arpa. Ma vi è anche un altro discorso che deve decollare ed è quello dell’Ecomuseo. Uno dei promotori e  autori della guida, Giuseppe Goglio, è al riguardo chiarissimo: “basterebbe una firma e lo Statuto diventerebbe realtà, potremmo finalmente diventare un’associazione con tutti i crismi e quindi anche avere accesso a eventuali finanziamenti”.  Difficile non è, ha aggiunto, anche in questo caso basta volerlo. E credere nell’Olona come elemento di preziosità e valore aggiunto per il territorio. Come hanno fatto nel Legnanese dove Legnano, San Vittore Olona, Parabiago, Canegrate e Nerviano si sono messi insieme per varare il progetto di valorizzazione territoriale “Greenway”. La sfida è lanciata. Vietato non raccoglierla.      

© riproduzione riservata
 
Pubblicato il 03/11/17 - 56 visualizzazioni