Cerca nel sito:

TERZA - TEATRO


Sabato 10 ottobre alle ore 21.00 al Teatro della Corte

Giulietta e Romeo


Castellanza (redazione) - Sabato 10 Ottobre alle ore 21.00 al Teatro della Corte di Castellanza si apre la stagione teatrale della Città di Castellanza, organizzata dall’Assessorato alla Cultura della Città di Castellanza.
Il primo appuntamento con il teatro, realizzato in collaborazione  con il Teatro della Corte guidato dall’attrice e regista Michela Cromi, strizza l’occhio ad un classico del teatro, Giulietta e Romeo, dichiaratamente ispirato alla tragedia di William Shakespeare Romeo e Giulietta, che gli autori della pièce rappresentata al Teatro della Corte, Silvia Priori e Roberto Gerbolès, definiscono la più bella storia d’amore mai raccontata.
Silvia Priori e Roberto Gerbolès dirigono e portano sulla scena la storia di due anime, quella di Giulietta e di Romeo, che accanto al loro sepolcro tentano di risvegliare i loro ricordi e di ripercorrere a ritroso la loro breve e tumultuosa esistenza. Un racconto che è stato pensato e realizzato dall’Associazione culturale Teatro Blu, che ha prodotto numerosi spettacoli, rivolti ad un pubblico di bambini, ragazzi e adulti, ed in particolare questa pièce è stata inserita nella rassegna Festival Terre e Laghi.
Un viaggio a ritroso nel passato in cui le due anime cercano di trovare un perché alla loro tragedia, alle parole non dette, ai silenzi e alle paure, tra desideri inespressi e urla represse, tra il rimorso e la voglia di ricominciare tutto da capo.
Una messa in scena in cui sono stati privilegiati il valore e la forza dei sentimenti: la passione e l’amore innocenti, lo slancio generoso per viverli e la giovinezza, in contrapposizione con una società in crisi, ingovernabile e rissosa, nella quale gli adulti sembrano non poter risolvere i conflitti sociali attraverso la tolleranza, la generosità d’animo e la maturità, così come le lotte familiari non possono essere sedate con la necessaria sensibilità e disponibilità umana. Una società in cui la non comunicazione tra le famiglie rivali e all’interno delle famiglie stesse genera conflitti irreparabili.
I Capuleti e i Montecchi non sanno che i loro figli si sono innamorati, gli amici di Romeo non sono stati informati del loro matrimonio, la famiglia di Giulietta non sa che lei non può sposare Paride perché si è già sposata con Romeo: nessuno sa niente e alla fine anche i due amanti cadranno vittime della mancanza di comunicazione e Romeo, non sapendo che Giulietta sta dormendo e che non è morta, si ucciderà trascinando la storia in un finale drammatico e inaspettato. Quello di Romeo e Giulietta è un amore che nasce per condannare gli eterni conflitti di potere, un amore che va oltre le convenzioni, oltre le imposizioni e gli interessi di parte.
Una pièce segnata da dolore, disperazione e morte, ma ricca di uno slancio vitale senza confronti.
Biglietto adulti € 10,00 – ridotto (minori di anni 18 –over 60) € 8,00. Prenotazione e tessera annuale obbligatoria € 3,00.
Per informazioni e-mail: info.teatrodellacorte@gmail.com - cell. 3429887660.

© riproduzione riservata
 
Pubblicato il 08/10/15 - 370 visualizzazioni