Cerca nel sito:

RUBRICHE - SPORT


Esordio nel Campionato di Eccellenza

ARDOR LAZZATE- CASTELLANZESE 2-1 (0-1)


Il verdetto di sconfitta finale non tragga in inganno. La Castellanzese che si è vista al suo esordio nel campionato di Eccellenza contro l’Ardor Lazzate  si è battuta senza timori reverenziali contro una squadra scafata perchè ha masticato molte stagioni in categoria. L’1-2 finale porta con sé lo stoicismo dei milanesi nell’avere retto nonostante la doppia espulsione di Pizzi e Gibellini ma anche il rammarico dei neroverdi per non essere riusciti a sfruttare la superiorità numerica. In ogni modo una Castellanzese che alla categoria ha subito mostrato la sua carta d’identità di compagine determinata e decisa a ben figurare. L’avvio delle ostilità, per Pasiani e compagni, è a suon di campane a festa: al 17’, infatti, Milazzo si procura un penalty e dagli undici metri esegue alla perfezione il compitino regalando lacrime all’estremo difensore lazzatese. La partita sembra incanalarsi sui giusti binari per il sodalizio di via Cadorna, anche perché al 30’ l’Ardor riesce a farsi male da sola perdendo Pizzi mandato anzitempo negli spogliatoi. Al 5’ della ripresa l’Ardor ha l’occasionissima per riportarsi in carreggiata; Lombardi commette fallo con il braccio nella propria area e il direttore di gara assegna ai padroni di casa il rigore. Dagli undici metri, però, Sala dimostra di non essere in vena e permette a Pasiani, bravo a sventare,di ritagliarsi  il suo momento di gloria. Al 20’ della ripresa, però, Proserpio non sbaglia approfittando di un pizzico di fortuna sottoforma di una pozzanghera che rallenta la velocità del passaggio di allontanamento della sfera dall’area di rigore da parte di un difensore neroverde. Al 20’ i brianzoli perdono un altro pezzo perché anche Gibellini è spedito anzitempo a farsi la doccia. La Castellanzese sembra poter tentare il colpaccio, invece arriva la stoccata decisiva dei lazzatesi al 32’ con Passoni il cui bolide non lascia scampo a Pasiani. Per la Castellanzese un giro a vuoto ma sicuramente anche la consapevolezza di poter dire la propria. A partire dal prossimo impegno casalingo di domenica 17 settembre contro il Busto 81. In mezzo vi è ancora la possibilità del passaggio del turno in Coppa Italia nella sfida casalinga contro i bergamaschi del Caprino di mercoledì 13 settembre.

 

© riproduzione riservata
 
Pubblicato il 11/09/17 - 113 visualizzazioni